lunedì 11 febbraio 2013

Conviene restare chiusi nell'armadio (con il nano)



La qualità maggiore di certe canzoni sta nell’entrarti in testa. Se poi a questo si unisce anche un testo criptico che apre a diverse interpretazioni, direi che la faccenda si fa più che interessante.
E per concludere Diego Perrone, con la sua fantasia e la verve (chi lo conosce sa di cosa parlo) che si ritrova, ci confeziona su un bellissimo video, che si sposa alla perfezione con la dinamicità della musica, che mi ricorda certi video anni ’80, uno in particolare di Nina Hagen.
Qualche mese fa fu Santostefano, con Caparezza. Un video corale, dove i personaggi sciorinati recitavano la parte dei mostri made in club, facendo correre i due cantanti a nascondersi in bagno. Là dove il contorno ci rende claustrofobici, chiudiamoci dentro, da qualche parte, bagno o armadio, ma protetti. Ecco, questo sembra il filo conduttore dei due video. Se i tempi sono cattivi, è preferibile restare chiusi nell'armadio, con il nano.
Il video 

3 commenti:

Alex G. ha detto...

Nel testo della canzone traspare questa voglia di restare chiuso, di starsene per conto suo ma soprattutto il desiderio di isolarsi dal mondo esterno. Concordo con Giusi sulla teoria del filo conduttore tra i due video, dobbiamo chiederci, cosa ci riserverà il prossimo video?

Gaia Esposto ha detto...

Sì, condivido anche io il commento di Giusi. Devo ammettere che ci sono rimasta un po' male quando ho ascoltato il nuovo singolo "L'armadio" perchè non melo sarei mai aspettata di ritrovare in una canzone di Diego Perrone un testo del genere, ma la mia perplessità ha subilo lasciato il posto al riso, infatti a mio parere ho trovato la canzone e il video molto divertenti. Mi piacerebbe sapere a quale video degl'anni '80 si riferisce Giusi.

giusi-poo ha detto...

Si chiama Smack Jack ;)