domenica 17 luglio 2011

Sono stata al concerto di Caparezza


E lo ho amato per tanti motivi, per Io vengo dalla Luna, naturalmente, quello che ritengo senza dubbio il brano che più mi rappresenta. Io vengo dalla Luna, io me ne frego di quello che pensano gli altri. Sono diversa, e allora? Sono diversa... mah... è importante sapere cosa penso io? No, è importante che ieri a Rock festival di Roma c’erano più di 10.000 persone a ballare, a saltare, per Caparezza, a gridare Berlusconi pezzo di merda e pure peggio. A dare un alito di vento diverso a quest’Italia, e tutti giovani, o quasi. Tanti bambini. Sì, ho avuto la conferma che Caparezza piace ai bambini. Ma di tutto il meraviglioso show, perché più che un concerto è stato un vero e proprio spettacolo, mi ha colpito il corista, meglio un duettatore per usare un termine che ho appena inventato! Nel suo 1.60x 48 kg forse, ha dato tutto se stesso, un’energia immensa. Ma chi è? perché non è famoso? Ma poi serve davvero esserlo. Beh, per forza se vuoi fare questo mestiere. Basta seguire i dettami dei testi di Caparezza. Lui è salito sul palco senza però abbassarsi alle leggi di mercato, e questo le persone lo sanno. Tenetevi amici di Maria de Filippi, io mi tengo stretto Caparezza