mercoledì 21 gennaio 2009

Intervista a Silvia Azzaroli



Silvia Azzaroli è una giovane autrice nata nel fitto mondo delle
fanfiction. Quest'anno è riuscita nell'intento di far conoscere il suo primo romanzo fantasy dal titolo La luna nera del Neckar.

Raccontaci tutto del tuo nuovo romanzo, anzi del tuo primo romanzo: Siamo in un continente misterioso e fantastico, un giovane e bellissimo principe si deve sposare, ma è un matrimonio di convenienza che dovrebbe servire a contrastare il feroce tiranno del regno confinante, che però riesce ad impedire il matrimonio, rapendo il principe e ricattandolo, costringendolo a rimanere nel suo castello come suo amante.
Comincia quindi un lunga lotta psicologica tra i due ed un certo punto sarà difficile capire chi sia realmente schiavo e prigioniero dell'altro.
Ad aiutare nella sua lotta il giovane principe, un misterioso essere sovrannaturale, una giovane serva, un esercito di ribelli, comandato da due gemelli, maschio e femmina, di origine straniera, a loro volta comandati da un misterioso nobile, che pare essere più crudele dello stesso tiranno.
Ti è sempre piaciuto questo genere? No, ad onore del vero in adolescenza ero quasi omofoba, mi sono appassionata a questo genere leggendo i romanzi di Anne Rice.
Hai sperimentato anche generi diversi, tipo noir, polizieschi, sentimentali o quant'altro? Sì, amo scrivere di tutto, a dire la verità non ho un genere ben preciso, amo mescolarli.
Perché un amore tra uomini? Mi affascinava l'idea di provare a scrivere un racconto originale su questa tematica, dopo aver scritto tante fanfiction su questa tematica. Mi piace scrivere storie d'amore, di qualunque tipo, e non trovo nessuna differenza a scrivere una su due uomini o un uomo e una donna.
Ma da questo punto di vista piacerà più ai gay o alle donne? Penso tutti e due.
Spiega a tua suocera (o futura suocera) cosa è lo slash, vai:
Eheh, questa è proprio difficile. Beh ... direi che è una storia d'amore tra due uomini ...
Ultima domanda: ora stai scrivendo? Se si cosa: Sì, sto finendo il mio secondo romanzo, una storia particolare, non slash, stavolta.E' una storia d'amore intimistica tra un ragazzo ed una ragazza europei che si trovano in Iraq, durante l'attuale guerra,e tra loro c'è prima di tutto un incontro di anime.Viene evocata anche l'antica Babilonia, con mille riferimenti alla guerra di oggi.
In bocca al lupo!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ragazze ho letto l'intervista :*

Dai Silvie, ti auguro un grande successo per questo libro ;)

Un bacione Carm

giusi-poo ha detto...

Sì, te lo meriti proprio! Slash power!!!!!!! ghghghhggh